Salone Internazionale del Libro di TorinoSalva

I numeri del Salone 2013

 

298.554 PRESENZE TOTALI

70.000 SPETTATORI AD EVENTI E INCONTRI

1.190 PRESENTAZIONI E EDITORIALI NELLE SALE CONGRESSI DEL LINGOTTO FIERE E ALL'AUDITORIUM LINGOTTO

2.889 GIORNALISTI ACCREDITATI DA 19 PAESI

750 OPERATORI PROFESSIONALI PER L'INTERNATIONAL BOOK FORUM PROVENIENTI DA 24 PAESI DIVERSI

2.500.000 PAGINE WEB VISUALIZZATE NEI GIORNI PRECEDENTI E DURANTE IL SALONE DA OLTRE 340.000 UTENTI SUL SITO www.salonelibro.it

1.100 NUOVI FOLLOWERS SU TWITTER NEI GIORNI DEL SALONE

110 EVENTI IN LIVE TWITTING

OLTRE 35.000 TWEET SUGLI HASHTAG UFFICIALI #SalTo13, #SalToff, #Creatività, #salonePOP

13.800.000 IMPRESSION DI #SalTo13, L'ACCOUNT TWITTER UFFICIALE DEL SALONE

23.600 FAN DEL PROFILO FACEBOOK AMICI DEL SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO

oltre 20.000 DOWNLOAD DELL'APP SALONE DEL LIBRO 13 DISPONIBILE ONLINE

Salone Internazionale del Libro 2013: un primo bilancio

salonelibro campagna 2013Il 26° Salone Internazionale del Libro chiude alle ore 22 di lunedì 20 maggio 2013 con 298.554 presenze totali.

Nonostante i timori e le cautele della vigilia per la crisi economica che nell’ultimo anno ha cominciato a far sentire pesantemente i propri effetti anche sull’industria editoriale e il mercato del libro, il 26° Salone Internazionale del Libro di Torino si chiude con un successo superiore a tutte le edizioni precedenti. Numero di ingressi, percentuali di vendita e afflusso ai convegni hanno confermato, ancora una volta, che la formula peculiare lo rende un unicum, rafforzando la sua natura anticiclica rispetto alla congiuntura generale. Il Salone di Torino, con la sua identità ibrida di fiera libraria, festival culturale e spazio professionale, si configura sempre più come un’entità indipendente e anomala, un fenomeno in controtendenza rispetto alle dinamiche che guidano i consumi e le scelte culturali del pubblico nel resto dell’anno.

Il Salone è stato inaugurato giovedì 16 maggio dal ministro per i Beni e le Attività Culturali Massimo Bray. Nei giorni di apertura sono intervenuti il ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini, la ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge, il vicepresidente della Commissione Europea Antonio Tajani.

A conclusione del Salone 2013 il testimone della Presidenza dell’Alto Comitato di Coordinamento della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura passa dal sindaco della Città di Torino Piero Fassino al presidente della Regione Piemonte Roberto Cota.

L’appuntamento è per il mese di maggio 2014 con il Salone Internazionale del Libro numero 27. Paesi ospiti candidati, la Guinea e la Turchia.

Nei giorni del Salone è proseguito il confronto con i piccoli editori per migliorare e agevolare sempre più la loro preziosa partecipazione alla manifestazione torinese. In particolare, nei prossimi mesi verranno studiate nuove misure di sostegno oltre a quelle già adottate nell’edizione 2013, e che prevedeva ad esempio lo sconto aggiuntivo del 10% sulle tariffe per gli associati Aie.

All’Ibf i titoli italiani conquistano il mercato asiatico

L’International Book Forum si è confermato il luogo privilegiato del Salone per lo scambio di diritti, riconosciuto da tutti i più grandi player dell’editoria nazionale e internazionale, e da quest’anno – per la prima volta – anche asiatica, con la partecipazione di 13 delegati provenienti da Cina, Giappone e Corea. Migliaia gli incontri tra i 750 operatori professionali provenienti da 24 paesi nei 3 giorni (16-18 maggio) dell’evento al Centro Congressi del Lingotto. Tra i protagonisti dall’Oriente, il colosso editoriale cinese People's Literature Publishing House, rappresentato dalla rights manager Liu Qiao, molto interessato all’acquisto di oltre 10 titoli italiani tra cui La memoria degli alberi di Bernardo Notargiacomo (Piemme Edizioni) e I Segreti d'Italia di Corrado Augias (Rizzoli). Yang Sue, presidente dell’agenzia letteraria coreana Eya (Eric Yang Agency) ha concluso trattative con Mondadori per La Lucina di Antonio Moresco e Il tuttomio di Andrea Camilleri; molto interesse anche per i libri di cucina, in particolare per quelli di Benedetta Parodi e Gabriele Bonci (Rcs). Noda Mikiko, general manager della giapponese Kawade Shobo Shinsha Ltd. è interessata al catalogo di Guido Tommasi (libri di cucina), soprattutto per la cura dei dettagli di grafica e illustrazioni.

2014, la Buchmesse a Torino

Fra le notizie di maggiore rilievo di quest’edizione, c’è sicuramente l’annuncio che al Salone 2014 sarà presente ufficialmente la Frankfurter Buchmesse, la prima manifestazione libraria del mondo con 7.500 espositori. La più grande fiera libraria del mondo interverrà al Lingotto non più soltanto con gli editori e i buyers tedeschi all’Ibf, ma anche con un proprio stand e spazio espositivo nei padiglioni per presentare il panorama dell’editoria tedesca, analogamente a quanto fa da anni il Salone di Torino a Francoforte nell’ambito dello stand Aie.

Una nuova ricerca sul Salone

A distanza di quattro anni dalla ricerca La dimensione economica del Salone Internazionale del Libro, la Camera di commercio di Torino ha realizzato un’indagine sul pubblico e sull'impatto economico del Salone Internazionale del Libro. La ricerca – commissionata e interamente sostenuta dalla Camera di commercio – è stata condotta dal 16 al 20 maggio 2013 dall’Osservatorio Culturale del Piemonte: aggiorna quella del 2009 a cura di Fondazione Fitzcarraldo e ha l’obiettivo di ricostruire il profilo dei visitatori e i comportamenti di spesa, sia all’interno del Salone sia sul territorio metropolitano. Nei cinque giorni della manifestazione 13 ricercatori hanno svolto più di 1.100 interviste al pubblico e circa 80 agli espositori presenti in fiera.

Negli ultimi due anni, l’Osservatorio ha svolto valutazioni sull’impatto socioeconomico di alcuni dei principali eventi culturali di Torino come il Festival MiTo, il Salone del Gusto, Artissima e gli eventi del Contemporary Art e dell'edizione appena trascorsa del Torino Jazz Festival. La ricerca sul Salone verrà elaborata nei prossimi mesi e i dati verranno presentati in autunno.