Salone Internazionale del Libro di TorinoSalva
News

A «Vendemmia a Torino» il vino fra letteratura e cinema: sabato Margherita Oggero al Circolo dei lettori

Vendemmia a Torino 2

Per la prima volta Torino celebra il grande rito della vendemmia. Per le intere giornate di sabato 14 e domenica 15 ottobre il capoluogo piemontese è animato dal fitto programma della 1° edizione de La Vendemmia a Torino – Grapes in Town, manifestazione promossa dall’Assessorato alla Cultura e al turismo della Regione Piemonte e realizzata con la collaborazione della Città di Torino e con il patrocinio della Città Metropolitana.

Oltre 40 produttori coinvolti in un programma di quasi 40 degustazioni in 2 giorni, 16 conferenze e incontri, 12 visite guidate e 5 prestigiose gallerie d’arte. Il meglio della ricca tradizione enologica piemontese, con i suoi vini riconosciuti a livello internazionale, si fonde alla storia dei palazzi e delle residenze reali e alla grande vocazione della città per l’arte contemporanea in due giornate di degustazioni, workshop, laboratori e appuntamenti.

Visitatori, curiosi e appassionati potranno scegliere tra diversi percorsi che li condurranno alla scoperta delle residenze reali e dei palazzi cittadini, dei musei, delle vie del centro, delle gallerie d’arte e dei suoi negozi. Sarà quindi possibile prendere parte a degustazioni, assistere a incontri o partecipare a laboratori in prestigiose e inedite location quali i musei del Polo Reale di Torino e i Musei Reali, il Circolo dei Lettori e quello degli Artisti, il Mao - Museo d’Arte Orientale, il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, il Museo della Montagna e quello Diocesano, Villa della Regina, Palazzo Cisterna, Camera - Centro Italiano per la fotografia e il Miaoo - Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi.

Oltre alle degustazioni, che si svolgeranno nelle varie location a partire dalle 10 e fino alle 18, gli appuntamenti proposti affrontano diverse tematiche.


oggeroFra questi l'incontro curato dal Salone Internazionale del Libro dedicato al rapporto fra vino, letteratura e cinema, sabato 14 ottobre ore 15,00-16,00 al Circolo dei lettori, Sala Grande (Via Bogino 9, Torino): Parole e Immagini di vino “Racconti e ricordi tra cinema e letteratura”. Conduce: Giorgia Garberoglio. Intervengono: Margherita Oggero e Matteo Pollone. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Margherita Oggero vive a Torino e ha insegnato in quasi tutti i tipi di scuola. Ha pubblicato il suo primo romanzo, La collega tatuata, con Mondadori nel 2002. Da quest'opera Luciana Littizzetto ha tratto il fortunato film Se devo essere sincera. Nel 2003, sempre con Mondadori, è uscito Una piccola bestia ferita che ha ispirato la serie televisiva Provaci ancora, prof! con Veronica Pivetti. I suoi ultimi libri sono L'amica americana (2005), Qualcosa da tenere per sé (2007), Il rosso attira lo sguardo (2008), Orgoglio di classe (2008), Risveglio a Parigi (2009), L'ora di pietra (2011), Un colpo all'altezza del cuore (2012), Perduti tra le pagine (2013), tutti editi da Mondadori.

Giorgia Garberoglio è giornalista. Collabora con “La Stampa” dall’età di diciassette anni e tiene su “Leggo” la rubrica settimanale Bookids con recensioni di libri per bambini e ragazzi. È autrice con Giovanni Cavagni del libro Bambini allergici (Red Edizioni, 2013). Con Amalia, pubblicato da Feltrinelli (2015; 2016 nella collana “I Narratori”), ha vinto il concorso letterario “YpsilonTellers”.

Matteo Pollone è docente di “Forme della serialità” presso il Corso di laurea magistrale Cinema e Media dell’Università di Torino e di Storia del cinema e del video presso l’Accademia Albertina delle Belle Arti. Collabora con l’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, con l’Aiace Torino, con la Scuola Holden e con il settimanale «FilmTv». È tra gli autori del documentario + o – x Nespolo, presentato nell’ambito della sezione Extra della IV edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Dal 2011 è vicedirettore della rivista «Mondo Niovo 18-24 ft/s». Tra le sue pubblicazioni, una dedicata al western di Anthony Mann (2006), una al cinema di Neil Jordan (con Caterina Taricano, 2009), una al fenomeno James Bond (2016). Ha recentemente curato, con Roberto Guarino, Sentieri di carta nel west: quaranta interviste ad autori italiani di fumetti western (2017).