Salone Internazionale del Libro di TorinoSalva
News

Londra, 1947. A «Giorni Selvaggi» il 25 ottobre «La guardarobiera» di Patrick McGrath

McGrath Newsletter

Patrick McGrath, indagatore letterario della psiche umana, torna con un thriller cupo e violento.Si intitola La guardarobiera (La Nave di Teseo), al Circolo dei lettori mercoledì 25 ottobre, ore 18.30. Nonostante lo scrittore inglese si sia rifiutato di seguire la carriera del padre, psichiatra del manicomio criminale di Broadmo, la componente psicologica è uno degli elementi portanti della sua produzione letteraria, come in Follia (bestseller il cui successo continua nel tempo) e Spider (da cui il film di David Cronenberg). Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Dopo i grandi e affollatissimi appuntamenti di settembre torna Giorni Selvaggi – La grande stagione torinese della letteratura internazionale che ha portato a Torino – grazie alla collaborazione tra il Circolo dei lettori e al Salone Internazionale del Libro –, eccezionali firme dal mondo. Sono stati ospiti Richard Mason, Fernando Aramburu, William Finnegan, Elizabeth Strout, Yu Hua e Norman Manea. A ottobre e novembre si aggiungono Andrew Sean Greer, Colson Whitehead, Patrick McGrath, Naomi Klein, Tom Drury, Andrew O'Hagan e Geoff Dyer. Il progetto vede anche la partecipazione preziosa di Scuola Holden, della rete delle Biblioteche Civiche, del Consorzio dei librai indipendenti Colti e di Torino Rete Libri.


Il libro

La guardarobiera è ambientato nella capitale inglese, è gennaio 1947 e la guerra è finita da due anni. Londra è in macerie, non c'è nulla da mangiare ed è l'inverno più freddo da che se ne ha memoria. A peggiorare ancora le cose, uno dei più grandi attori teatrali del momento, Charlie Grice, muore improvvisamente. Sua moglie Joan, costumista, è distrutta dal dolore, ma si fa convincere ad assistere a una replica di beneficienza dell'ultimo spettacolo di suo marito, e a vedere un sostituto interpretare il suo ruolo. Ne è terrorizzata. Ma quando l'attore appare sul palcoscenico, la vedova addolorata trasalisce nel rendersi conto che dietro gli occhi dell'uomo brucia ardente lo spirito di suo marito. Più tardi, nel backstage, incontra l'attore e ha la conferma che Charlie vive in lui. È stordita dalla gioia. Diventa così amica del giovane attore e comincia a donargli gli abiti di Charlie. L'amicizia presto evolve in una relazione amorosa, e Joan continua a vedere nel sostituto il fantasma di suo marito. Una sera, per caso, mentre fruga nel guardaroba di Charlie, scopre un orribile segreto e ne è devastata: la guerra, dopotutto, non è finita. Joan, la costumista, viene catapultata in un nuovo, cupo mondo, fatto di violenza, intrighi e terribili verità.

«Se sei in possesso di un pezzo di storia continua a recuperarla tutta intera. Alla fine ti sentirai intero anche tu».


Gli appuntamenti successivi targati Giorni Selvaggi

 

Giovedì 2 novembre ore 18, Aula Magna della Cavallerizza Reale

Naomi Klein

Shock politics. L’incubo Trump e il futuro della democrazia (Feltrinelli). Con Loredana Lipperini.

Prenotazione obbligatoria a 

 

Mercoledì 8 novembre ore 19 alla Scuola Holden

Tom Drury

A caccia di sogni (NN Editore). Con Elena Varvello

Prenotazione obbligatoria a

 

Lunedì 20 novembre ore 18 al Circolo dei lettori

Geoff Dyer

Sabbie bianche (il Saggiatore). Con Gianluigi Ricuperati

 

Martedì 28 novembre ore 18, Ogr

Andrew O’Hagan

La vita segreta. Tre storie vere (Adelphi). Con Francesco Guglieri

Prenotazione obbligatoria a